Lavoro e diritti/ Il fallimento di una battaglia di retroguardia


di Oscar Giannino

Un’ottima decisione. La Corte costituzionale ieri ha respinto l’ammissibilità del quesito referendario avanzato dalla Cgil sull’articolo 18 in materia di tutela dei licenziamenti, mentre ha accolto gli altri due, sull’abolizione dei voucher e sulla piena corresponsabilità in solido tra appaltatore e appaltante nei contratti di lavoro. Sono almeno tre le ragioni per cui considerare ottima la decisione. Primo: la natura dei referendum abrogativi. La Cgil, raccogliendo oltre un milione di firme per...

Leggi l'articolo e l'edizione digitale del Messaggero, se sei già abbonato clicca qui oppure

Condividi questo articolo

Accedi ai servizi del Messaggero