Mestre, mal di testa continui, il medico la rassicura. Va in ospedale e muore

Mestre, mal di testa continui, il medico la rassicura. Va in ospedale e muore


di Gigi Bignotti

La tragedia si è abbattuta sulla scuola di Villa Medico, sulla comunità di Zelarino e soprattutto sulla famiglia Mariano-Pettenò appena dopo le festività di fine anno. Mamma Stefania - 46 anni - è morta l'altra sera all'ospedale all'Angelo di Mestre dov'era andata, accompagnata dal marito Carlo, per un normale controllo dopo il malessere e i mal di testa accusati nei giorni appena prima dell'Epifania. 

Era stata per un consulto anche dal suo medico di famiglia che l'aveva rassicurata: Non è niente di grave, ma se non passa vada a farsi vedere al Pronto soccorso. Questo Stefania Mariano aveva riferito serena alle amiche e ai genitori dei compagni di scuola dei figli che ieri, increduli e sconvolti, hanno saputo la tragica notizia.
L'aggravamento delle sue condizioni è stato fulmineo.
 

Condividi

PER APPROFONDIRE :
  • mal di testa
  • mamma
  • morta
  • ospedale
  • zelarino
  • COMMENTI

    VEDI COMMENTI (7)

    scrivi qui il tuo commento
    ULTIMI COMMENTI
    3 di 7
    arsenno 2017-01-12 11:42:25
    Ma questo medico, se è vera la notizia, di fronte ad una paziente con reiterati e fortissimi mal di testa,cosa fa ? Rassicura e Le dice che se vuole chiami lsa guardia medica ? Subito accertamenti diagnostici e controllo immediato dei parametri vitali in ospedaler,perbacco !!
    sereno49 2017-01-12 12:02:45
    Purtroppo certi mali non perdonano, medici o no.
    vasfran 2017-01-12 13:04:55
    e quanti ancora ce ne sono in giro per l'italia di questi medici fasulli fatti per forza e per "volere di mamma e papa' di nonno e di nonna", ecco cosa e venuto fuori..... La colpa la do anche alle universita' che non fanno giuste oneste selezionii degli studenti, ecco perche l'italia sta andando alla rovescia. Negli ultimi 40 anni, stato, scuola e famiglia hanno fallito.
    Carica altri commenti

    IL VIDEO PIÙ VISTO

    "Rigopiano, la commovente telefonata ai vigili del fuoco: «Grazie, siete dei grandi»"

    Condividi questo articolo

    Accedi ai servizi del Messaggero