La lingua e l’identità/ Tolleranza sottozero per i nemici dell’italiano


di Marina Valensise

Attenzione, pericolo. Se continuiamo così, finiremo per comunicare a gesti, o peggio. Le parole sono una cosa seria. Aggettivi, verbi, pronomi, avverbi contano eccome. L’ordine del discorso, non ne parliamo. Con la sintassi e l’analisi logica non si scherza. Non possiamo scherzare. Fondano l’ordine del reale e soprattutto, piccolo particolare non trascurabile, fondano la nostra capacità di mettere in ordine il reale. Inutile dire che scrivere ormai è superato e non serve più, e scrivere bene...

Leggi l'articolo e l'edizione digitale del Messaggero, se sei già abbonato clicca qui oppure

Condividi questo articolo

Accedi ai servizi del Messaggero