Adolescenti a perdere/ Delitto da videogame banale e brutale senza pentimento


di Paolo Graldi

È la cronaca nera più sanguinaria e insensata, stupida e feroce che si possa immaginare quella che si dipana nel Ferrarese. Il racconto confessione di un figlio sedicenne il quale, complice un amico poco più grande di lui, decide di massacrare a colpi d’ascia i genitori. E poi, in un delirio a mente piatta, ingoiando gli affetti più cari trasformati in odio irrefrenabile, simulare una rapina andata male, con quei due poveretti finiti nel sonno: lei, la madre di 45 anni, Nunzia Di Gianni, trascinata in...

Leggi l'articolo e l'edizione digitale del Messaggero, se sei già abbonato clicca qui oppure

Condividi questo articolo

Accedi ai servizi del Messaggero